Home Page

Dipartimento di Discipline Storiche "Ettore Lepore"
Questa pagina non è più aggiornata. Il navigatore è invitato a visitare il nuovo sito: www.storia.unina.it

 
Gabriella Botti

tel. 081/2536414

fax. 081/2536438 – 081/663793

e-mail: gbotti@unina.it

 


 

Si è laureata nel 1972 in Filosofia presso l'Università degli Studi di Napoli "Federico II". Dopo la laurea ha collaborato alla Cattedra di Storia contemporanea del medesimo ateneo come titolare di un assegno di formazione scientifica e didattica e poi, dal 1981, come ricercatrice confermata.
La sua attività didattica ha riguardato prevalentemente temi generali di storia contemporanea, temi del dibattito storiografico con particolare attenzione a Les Annales e argomenti relativi alla sua attività di ricerca sulla storia della sanità nel Regno di Napoli.
Negli anni accademici 1999-2000, 2000-2001, 2001-2002 ha svolto il corso di Storia sociale per il Diploma Universitario in Servizio sociale della Federico II, affrontando temi di storia dello stato sociale con particolare riferimento alla nascita e all'evoluzione di alcuni sistemi nazionali di assistenza, previdenza e sicurezza sociale dall'Ottocento ai nostri giorni.
A partire dall'anno accademico 2005-06 tiene il corso di Storia contemporanea (I e II modulo) per il corso di laurea in Archeologia e storia delle arti.
In occasione delle celebrazioni per il bicentenario della Rivoluzione francese ha fatto parte del comitato che ha organizzato presso la Facoltà di Lettere e Filosofia della "Federico II" il seminario italo-francese su Povertà e beneficenza in ambiente urbano (fine XVIII sec. - 1815). Gli atti del seminario sono stati pubblicati nel volume Povertà e beneficenza tra Rivoluzione e Restaurazione, a cura di G. Botti, L. Guidi, L. Valenzi, Napoli, 1990, in cui Gabriella Botti ha curato i saggi riguardanti le istituzioni sanitarie.
Nella sua attività di ricerca ha prestato attenzione agli aspetti demografici e sociali della storia della malattia, a quelli istituzionali della storia degli stabilimenti di beneficenza nel XIX secolo e al dibattito scientifico dell'epoca. Attualmente sta curando per la città di Napoli nell'Ottocento lo studio degli esercenti le "arti salutari" minori: barbieri, flebotomi, speziali, levatrici, acconciaossa, pidocchiari, brachierai, limatori di calli, stufaioli, semplicisti. Si tratta di una miriade di figure professionali, che sfuggono alle grandi aggregazioni sociologiche. Sono tasselli di una organizzazione sanitaria legata per molti versi alla terapeutica del passato, ma anche figure intermedie del tessuto sociale della Napoli dell'Ottocento. In particolare, il materiale che riguarda la storia degli speziali o farmacisti permette di individuare un filone molto ricco d'indagine, storiograficamente tutto da approfondire.

 

Pubblicazioni principali

 

·      La peste del 1656 a Napoli e dintorni nei registri parrocchiali del tempo, in "Atti dell'Accademia di Scienze Morali e Politiche", volume XCI, 1980.

·      L'organizzazione sanitaria nel Decennio, in A. Lepre (a cura di), Studi sul Regno di Napoli nel decennio francese (1806-1815), Napoli, 1985.

·      Strutture sanitarie e malati dell'Ottocento borbonico, in A. Massafra (a cura di), Il Mezzogiorno preunitario. Economia, società e istituzioni, Bari, 1988.

·      Da ospedale - ricovero a ospedale clinico : il Collegio medico-cerusico degli Incurabili di Napoli, in G. Botti, L. Guidi, L. Valenzi (a cura di), Povertà e beneficenza tra Rivoluzione e Restaurazione, Napoli, 1990.

·      "Febbri putride e maligne" nell' "anno della fame" : l'epidemia napoletana del 1764, in P. Frascani (a cura di), Sanità e società. Abruzzi, Campania, Puglia, Basilicata, Calabria. Secoli XVII-XX, Udine 1990.

·      Gli abitanti dei quartieri spagnoli. L'articolazione socio-professionale sul territorio nel XVIII secolo, in "Campania sacra", n. 22 (1991).

·      L'"arte salutare" a Napoli. L'archivio del Regio Protomedicato, in "Bollettino del diciannovesimo secolo", n. 5, 1996.

·      Aspirazioni patriottiche e motivazioni scientifiche: scienziati napoletani dal 1830 al 1848, in "Archivio Storico per le Province Napoletane", vol. CXVII, 1999.

·      Spazio urbano e sanità. Le farmacie a Napoli nella topografia dell'Ottocento preunitario, in "Archivio  Storico per le Province Napoletane", vol. CXXI, 2003.